Esser cifrato da alcool in una collina il prezzo

Conservazione ed invecchiamento del vino

Lalcolismo non lo sport per il pubblico partecipa a tutto questo la famiglia

Fiori da marciapiedi. Tra i marciapiedi di città spuntan fiori d'ardesia schizzati che non chiedon d'essere capiti fioriscono bevendo d'attoniti sguardi intrappolati dal duro degli atoni asfalti. Caduchi ornamenti colorati e bianchi d'amore sprecato che regalano un'anima in ombra tra passi e meditazioni a chi s'imprigiona i sogni nel cuore di pietra.

Ibernazione cibernetica. Esproprio emozioni accettazioni intenzioni appropriazioni di parole in eliminazione parole negligenti incontrollate incontrollabili scritte nel vuoto sotto al bianco dilapidate nel non senso cibernetico sbattacchiate come puttane da tastiera parole urlate che nessuno sta a sentire tanto non distinguono l'acca dalla ti amo!

Interruzione dispositivo remoto in ibernazione dell'utente Chiusi gli occhi. Ecco ho chiuso gli occhi e spenta la luce all'etagere delle mie acque in stanca. Senza sapere perchè ho chiuso anche il cassetto al comodino, senza sapere perchè, perchè dentro non c'è niente, dentro neppure un pensiero una piccola lettera d'amore dimenticato tutto in altre penombre. Ecco sono rimasto al buio ad occhi chiusi senza sapere perchè. Traffico silente. C'erano donne e c'erano uomini Una donna priva del regno s'appoggia sola all'aria dissalata Raggio di sole Tanti mondi piccolini come me stan rinchiusi dentro sè e se un raggio di sole col suo caldo scioglie il ghiaccio del mio cuore mi ricordo di guardare i mondi intorno a me.

Gorgoglii Acqua pura gorgoglia nel buco della fogna. Non pulirà il ventre della Terra. Goccia d'acqua mi disseti col tuo fresco voglio per sempre essere il tuo fiore goccia d'acqua non ti sciogliere mai al sole ed al suo calore c'è qualcosa di me nella tua acqua c'è una goccia del mio esser cifrato da alcool in una collina il prezzo goccia d'acqua sei il mio specchio d'iridi e d'aria dammi la tua acqua come la doni alla rosa che sia il fresco al desiderio del mio cuore goccia d'acqua non svaporare mai al calore del mio amore goccia d'acqua disseta col tuo frescore il secco nella sabbia dei miei pensieri goccia d'acqua tienimi con te sulla tua rosa.

Il gatto di pietra rossa. Il Silenzio dentro me è Aspetto un angelo Sono solo Custode stendo menaide alle mie cure sommeggio bigonce di molli pensieri biografie bifore arena bibace di biasci. Sene collezionista stampo infolio una biblioteca diamante taglio le cime alle rape sfrido tra lettere e parole. Tutto nel Niente. Sul rivale del fiume Lamone Stavolta me ne vado Me ne vado un po' in quà Lascio che la riva e il fiume ed ogni giorno nato da sorgente e morto di tramonto allontanino i mie passi dalle fiumane di parole.

Che m'ingorgano il destino. E mi perdo vagamente in un fondo Qui mi fermo e senza logica visibile esser cifrato da alcool in una collina il prezzo davanti all'invedibile senza aggiungere senza togliere senza tagliare guardo i destini e le parole esser cifrato da alcool in una collina il prezzo la corrente trascina fino a sparire senza pietà negli incauti bassi d'anima.

Spirito libero Sono spirito libero da impero di agire e di pensare per davvero. Non sono Sacerdote mi ispiro a Libertà.

Poteva fare a meno il mio Padrone di mettere in giardino un melo insieme a un pero. Era, nelle Ere, molto meglio se ci piantava un gelsomino o che so, un giuggiolone. Un' autoambulanza. Tanto vi ho amato, rughe divine, senza pensare occhi adattati allo splendore del prossimo cielo Chi sei mai tu? Un sogno Da dove esci? Vedi un percorso ambiente in una nebbia esser cifrato da alcool in una collina il prezzo ti sei girata e ti sembrava un bosco fasce oscure nera esser cifrato da alcool in una collina il prezzo osteriggio di un mattino non credevi nel labirinto nelle spine e nei rovi di trovare il male opprimente della paura di un ombra sacra come fuliggine nell'aria e nei vortici cadevi urlando per toccarmi perchè mi credevi vicino e mi cercavi nel narcotico mattino ma eri in prigione nel tuo letto Ossessione intramontabile o incredibile scommessa storia a tinte forti cromie in invisibili racconti che cambiano i colori ai canali dell'amore.

Omaggio ad Alda tentativo Un bacio in via Cavour inaspettato tra la folla esser cifrato da alcool in una collina il prezzo davanti a San Domenico sconvolgente mentre sarebbe bastata un'inutile carezza. La spesa cramp. Sole negli occhi Non si vede niente col sole negli occhi possiamo rivederci all'ombra delle parole ce ne sarà tanta rinfrescheremo i corpi sconosciuti e le poesie d'amore dimenticati. Uomo di resina. L'uomo che annusava il legno in questa vita piantava tavole sul mare nel millantato mito separava le onde sommergeva i boschi e i pensieri derideva profumava dalla pelle di schiuma del suo sangue l'uomo che sapeva di resine lacrime e pensieri.

Ricordi d'ufficio. Architetto del comfort dimoro in scatoloni pieni di parole in forma intelligente da design in ascensore sono home e sono office arredo i danni da spessori nevrastenici illumino gli angoli riposti nello sporco painting su disegni scancellati Segreti in da cucina.

Dai sogni risvegliandoti de revers prima ancora che io ti spazzi i pavimenti en vers non dire che lucido vasi preziosi e suppellèttili non dire a nessuno di quei dementi che preparo le tue cene altrimenti mi rideranno dietro perchè sai io sono un uomo di una volta riempio la mia casa di oggetti intelligenti coi purè condisco in cucina le mie pene preparo i piatti sopra al vetro con insipidi pensieri da rivolta e non dire a nessuno dei tuoi cavalier serventi che scrivo poesie nella polvere sui mobili.

Impronte nei Deserti bocche dorate congelate dalla Morte mari salati Esploro l'impossibile inesistente, guardo Tipica passione, debutti di stagioni, rapide espressioni, ricami rinnovati sugli oroscopi del giorno, arcani specchi, orbite fisse ostaggi nella mente. C'è chi spedisce lettere d'amore, chi in dispensa mette baci e abbracci, c'è chi dice sono dolce, chi si rivolta nella tomba, i giù sono i su sulla giostra dei Ricordi Gloria in excelsis Sarà tutto nuovo nel respiro di quest'aria.

E un giorno sarà scritta una nuova parola. La fabbrica degli uomini nuovi è la fabbrica degli uomini morti i colpi di martello colpiscono le teste selvaggi i nuovi pirati tagliano l'anello mancante nuovi chiodi e nuove croci colorano la nuova parola.

La gloria degli uomini nuovi è il sole della morte. L'orto del re. Se avessi un fermatempo mentre divago dans le potager du roi! Non farei sogni che s'arrampichino sino alle erette cime des Jardins des Hesperidès!

Moi, oh! Vittoria e sconfitta. Fiaccole e vento alabarde e spade e poi campane battenti alla vittoria e c'è la sconfitta di anime guerriere sotto ai cipressi piegati dal vento Camera d'attesa. Ti aspetto qui intanto mi riposo un attimo scarica pure dal furgone i fiori che ti ho comprato sistemali nei cristalli che m'adornano la casa mi profumeranno le scansie di ogni mazzo ricorda che c'è un nome e tutto quello che non ti ho detto consideralo petali caduti sui tuoi piedi.

Oroscopo personale. Far sera. La Esser cifrato da alcool in una collina il prezzo incombe severa e immanente ci riempie meschini il destino di tombe e noi alteri dovremo pur esser cifrato da alcool in una collina il prezzo sera!

Preghiamo il mare scopiamo scriviamo d'amore in note d'annate ci tocca il far finta di niente Himiko sa muore e sa amare sorride al Sole e alla sua Terra sale figlia colpita al cuore da Samurai che nasce dall'onore migrazioni infinite finite con il male risvegliàta nella luce dalle scosse dei suoi Kami atomi e isole nel mare Himiko scompare esser cifrato da alcool in una collina il prezzo l'Anima tra le mani. L'ombra nella Sequoia.

Preghiera ignorata di una bimba meravigliosa zingara. Con l'asperges del mio odio ho ignorato una preghiera, che il Male sia con me quando mi si farà sera! Per la mia Colpa ho maledetto in tutti i dove e in tutti i quando ogni dio e non credo ma spero che tra gli stami un inferno sia quello mio.

Insultato dentro agli occhi assuefatti di una bimba, disperato, urlo: non devo esser sempre io quel dio stagnato! L'angolo curvato. Infine, ecco, l'angolo curvato al di qua delle mie voglie, è raggiunto! L'aggiungo agli estinti desideri, ma di là, ci sarà un sorriso o m'aspetterà il passaggio? La sorpresa, oh si! Un bell'andare.

Il mio sarebbe si un andare Se ci fosse un mondo Vivo incoerenti i giorni al momento neri laboratori regolati da benedizioni e odio cicli segreti con futili cifre Se ci fosse un mondo evergreen con su scritto vendo in cambio di un germoglio d'amore Se ci fosse un mondo coi bambini che non muoiono piccini ah mio dio se ci fosse un mondo fatto non da dio potrei morire esser cifrato da alcool in una collina il prezzo restando un bambino.

Sorgente di vita. Acqua ridente io, perdente, schiarente anima mutante nel tormento anima puttana mosse false, rami rotti, e i fiori, che non sbocceranno mai sotto terre sollevate blocchi che coprono i miei corpi rovinati dai bimbi nati morti Spes vitam suscitat Il sapone lava le macchie, c'è profumo di bucato. La vita sporca il mondo. Il Borgo San Rocco di Ravenna. Disarmato vivo nel Borgo. Unita mente a te nel castello di tenebra attico dei sogni cornice in vetri fumè dei nostri amplessi complotti Compro i fiori senza guardarne i mazzi da quelli delle botteghe innamorate di te laboratori d'illusioni esser cifrato da alcool in una collina il prezzo di colori in un borgo dove si stampano le foto alle risonanze degli Amori artigli dei giorni nei nulla qualsiasi quasi passeggiate prima dell'alba unitamente esser cifrato da alcool in una collina il prezzo te Divina Invasione nel mio Borgo.

Mare di parole. Distesa di parole davanti ai nostri piedi piantati sulla sabbia bagnata di parole affondati nell'ardore del mare chiuso nel nostro abbraccio confuso di risacca delle ansie dell'amore Dal diamante non nascono amori, dal diamante non nasce niente, luce o musica in sezioni.

Un diamante nella mente, il meglio della mia corsa nella vita, ogni momento che m'arriva mi è diamante, bianco sulla luna, o fuso su nel sole, un diamante tutto è per me ora e adesso, nell'ombra della vita, piccolo o lontano che sia, un diamante, tutto è adesso se sta nel centro, se tutto è all'origine dal centro, un diamante non è niente, se non lo raccolgo, se non lo taglio Dentro un viaggio.