Il marito è un despota e alcolizzati

In Cronaca - I 12 passi per uscire dal tunnel dell'alcol

Cura di alcolismo in Belgorod al tempio

I Poe, una famiglia di immigrati irlandesi. Suo bisnonno, John Poe, arrivato in America nelè il primo migrante della sua famiglia. Rispettabile irlandese del Nord, si stabilisce come contadino in Pennsylvania.

Ma lo slancio di generosità di John e il suo ideale di libertà furono la causa della rovina dei suoi.

Concesse dei prestiti, ma non fu mai rimborsato. Il figlio di John Poe, chiamato David, sarà il futuro nonno di Edgar. La coppia dà al suo primogenito il padre di Edgarlo stesso nome di suo padre: David Jr. Da giovane intraprende, diligentemente, gli studi di diritto e successivamente esercita in uno studio di il marito è un despota e alcolizzati.

Nel pieno della sua giovinezza, si innamora per la prima volta di una bella ragazza, già vedova e appassionata di teatro. David Poe Junior, non esita: nelha 25 anni e lascia tutto per seguire la compagnia teatrale della Virginia in cui recita la sua bella innamorata.

Sbarca in America il 5 gennaionel porto di Boston, accompagnata dalla madre, attrice e cantante lirica, che, d'altronde, porta lo stesso nome.

Elizabeth, soprannominata Betty, fa parte di una compagnia di attori ambulanti, i Charleston Players. Il colpo di fulmine deisaltimbanchi. I giovani, Elizabeth e David, si piacciono. Si sposano il 14 marzo David Jr sposa Elizabeth. Senza volerlo, il ragazzo, replica la coppia dei suoi genitori. Cosa diventano allora i nostri due saltimbanchi? Girando tutte le sere una scena diversa, nel bel mezzo delle repliche teatrali, vivono il destino delle persone di passaggio.

Di giorno dormono in hotel poco raccomandabili, di notte si infilano i costumi di scena e recitano dei ruoli, personaggi da romanzo inventati da autori geniali come Shakespeare.

La giovane coppia entra in un cerchio infernale il marito è un despota e alcolizzati rappresentazioni dove, a volte, un uomo o una donna, di buona costituzione, ha tutte le possibilità di smarrirsi. La famiglia Poe si allarga. Nel corso della sua carriera, Betty Poe, interpreta duecento ruoli, alcuni dei quali rappresentano personaggi prestigiosi, tratti dal migliore repertorio teatrale.

David Jr Poe, attore meno dotato di sua moglie, si accontenta, per seguirla, di parti secondarie. La coppia vive tre anni a Boston. Poi la famiglia si allarga. Verranno alla luce tre bambini: William Herny viene al mondo il 30 gennaio ; il piccolo Edgar nasce due anni dopo, il 19 gennaio è concepito verso il 19 aprile ; il terzo figlio è una bambina, si chiama Rosalie. Alla nascita di Edgar, sua madre Betty ha solo 22 il marito è un despota e alcolizzati. Come affronteranno questa svolta genitoriale?

La questione non è facile. Più notizie dal padre! Appena nove mesi dopo, il 18 ottobre, David recita il suo ultimo dramma e sparisce dalla scena. Non si hanno più sue notizie a partire da luglio David Jr Poe soffre di alcolismo e di una malattia grave, la tubercolosi. Come riesce a provvedere ai bisogni immediati? Chi saprà immaginare la disperazione e prevedere la tragedia imminente?

Un piccolo angelo si ritrova orfano. A un anno Edgar Poe il marito è un despota e alcolizzati orfano di padre. Come vive, con il suo animo da bambino, la perdita precoce del padre? Come reagisce la madre, sotto choc, assumendo i due ruoli, quello della donna forte e della donna fragile allo stesso tempo?

La signora, dopo la rappresentazione è ancora stordita dagli applausi del pubblico. Ha dato tutto, è splendida. Eroe suo malgrado. Accanto a lei, nel letto sfatto, dorme un bambino dal viso angelico. Il corpicino, rannicchiato contro il suo, non ha dubbi su cosa lo aspetta: una notte patetica, lo sconforto assoluto accompagnato dalla Tramontana invernale. Il bebè è una spugna, sente il dolore senza poterlo esprimere. Sua madre piange, piange la vita che se ne va, mentre il suo doppio silenzioso da gran seccatore spia ogni sua minima défaillance.

State attenti a questa scena di vita inquietante. Non è più finzione, la realtà si traveste da tragedia greca.

La perdita precoce dei genitori non favorisce il sentimento di sicurezza indispensabile il marito è un despota e alcolizzati costruzione di un legame affettivo. Il marito è un despota e alcolizzati Edgar Poe, comincia dunque un vagabondaggio popolato da sogni o da incubi.

Successivamente allevierà il suo dolore nel bere. La fratria smembrata. Quando un genitore il marito è un despota e alcolizzati o sparisce, succede che il gruppo si separa. I fratelli e le sorelle non sono cresciuti insieme e sono spesso affidati ai nonni paterni o materni. Disorientata Betty affida il maggiore, William Herny, a suo suocero, il generale Poe.

La medesima situazione si ripeterà con un altro scrittore celebre, Louis Aragon. I nonni sostituiscono i padri assenti e i nipoti assumono la posizione dei figli. Allorché, la fratria smembrata è un legame reciso, una sofferenza non espressa chiaramente. Una paternità impedita. In questa situazione i nipoti sono, in qualche modo, ostacolati nel loro itinerario di crescita. Vivono in una generazione ascendente e non possono avere dei discendenti.

Quando essere genitore non è scontato. Questo padre codardo, cosa avrebbe lasciato in eredità a suo figlio e a sua moglie? Povera Betty, senza il denaro il marito è un despota e alcolizzati per le spese quotidiane. Nelle fiabe i personaggi risorgono e salvano, portano delle facili soluzioni alle sfortune della vita. Nella storia di Poe, due patronesse, uscite dalla buona società, Frances Allan e Mrs MacKenzie, vanno in soccorso a Elizabeth, prossima a cadere in miseria.

Il tregua è di breve durata. Quando la tubercolosi manda in rovina. Troppo giovane per morire. Il 9 dicembre Edgar hai tre anni e ti ritrovi orfano di madre. Frances Allan, lei stessa orfana e senza discendenza, ti il marito è un despota e alcolizzati con sé.

Edgar ti resta il ricordo di tuo padre, un ritratto di tua madre, il disegno del porto di Boston, le lettere manoscritte, questo ti basta per ricostruire la storia con il filo della memoria? Fortunatamente nella tua sfortuna, gli Allan, ricchi negozianti scozzesi, entrano in scena. Ora Edgar tu possiedi un doppio patronimico, una doppia filiazione, ti chiami Edgar Allan Poe.

Si recita un dramma al teatro della città. Siamo alla notte di Natale. Tutta la città di Richmond è elegante per andare a teatro. La compagnia rappresenterà una nuova opera, la Monaca sanguinante. Quella sera la morte si aggira nascosta nelle quinte di mussola nera, e nessuno la nota. Quella sera alcune candele bruciano le cortine rosse. Sessantasei spettatori, compreso il governatore, perderanno la vita. A Richmond, si proclama un memoriale.

La città piange. Edgar, il bambino maledetto dagli dei, non è più il solo a soffrire. Anche Mosca brucia! La storia si svolge in Russia, a Mosca. No, in quanto buon soldato di Napoleone, non saresti certamente rientrato a casa, solamente, ecco, tu sei una discendente di emigrati irlandesi e la trama della tua vita si svolge in America. Quando si improvvisano genitori adottivi. Edgar non ha più i genitori biologici.

Tuttavia la sua buona madre adottiva lo coccola, prendendolo teneramente tra le braccia. Il ragazzo arriva, in un momento preciso, per colmare il desiderio di maternità di Frances Allan. A 27 anni la seconda mamma accoglie, con fierezza, il figlio che non ha portato nel suo ventre.

Sarà una madre affettuosa e attenta. John Allan, il suo marito scozzese, anche lui orfano, darà il suo cognome a questo bambino sconosciuto, pur non adottandolo ufficialmente. Successivamente, il 17 giugnola coppia Allan ritornerà in Gran Bretagna. Edgar segue i suo genitori adottivi a Londra. Abiterà nel vecchio fabbricato per cinque anni. Un figlio, non un erede.